Issima Cane cerca Cimici dei Letti

Issima Cane cerca cimici dei letti torino cordella disinfestazioni

Issima, Pastore Belga a Caccia delle Cimici dei Letti – Cordella Disinfestazioni Torino.

Articolo “Eco del Chisone” mercoledì 1 luglio 2015

 

Si chiama Issima è ed un cane sicuramente speciale. E’ stata addestrata fin da piccola per cercare, o meglio scovare le cimici dei letti, un parassita che si annida silenzioso negli angoli nascosti delle strutture dei letti o dei mobili in genere. Queste cimici sono piccole, infestanti e sempre molto affamate. Di loro ci eravamo completamente dimenticati ma stanno tornando a far parlare di se, complici viaggi internazionali, gli spostamenti frequenti e l’ immigrazione. Amano nascondersi tra le lenzuola dove arrivano tramite  valigie ,cappelli, cappottiborse che distrattamente vengono depositate sotto il letto dell’hotel in vacanza. Si attaccano a tutto ciò che ricordi loro anche lontanamente l’odore del sangue umano e possono pungere lasciando piccoli segni.

Non è sicuramente facile accorgersi della loro presenza e qui entra in scena la protagonista della nostra storia. Issima è una giovane pastore belga malinos, ha meno di 2 anni ma in questo campo è già una star. Probabilmente è l’unico cane in Italia che è stato addestrato fin da piccolo per la ricerca delle cimici dei letti.

L’idea è venuta ad Adriano Cordella titolare dell’omonima ditta di disinfestazioni: «Negli Stati Uniti da anni ci si affida ai cani per la ricerca delle cimici dei letti, documentandomi in rete l’idea di avere ed addestrare personalmente e con l’aiuto di esperti un cane come Issima mi è venuta già anni fa. Poi finalmente ho potuto acquistare ed avere con me questo bellissimo cane che è anche diventata la mascotte di tutti i miei collaboratori. Con Issima è partito un nuovo ramo della nostra attività che ci sta dando tante soddisfazioni, oltre a me è Olis Ioan Viziteu a curare di persona gli interventi nelle varie strutture e grazie alla nostra “principessa” abbiamo sviluppato delle importanti competenze, specializzandoci in questo settore emergente».

issima cane cerca cimici dei letti cordella disinfestazioni torino

issima cane cerca cimici dei letti

La Cordella Disinfestazioni ha sede a Torino ma la sua centrale operativa è all’ Ippodromo di Vinovo, da qui lo staff della Cordella Disinfestazioni parte per i suoi interventi. 

«Si è molto discusso negli ultimi anni circa l’utilizzo del cane cerca cimici. I risultati dimostrano che con la ricerca olfattiva il cane  trova  circa il 95% delle cimici dei letti, mentre un controllo visivo umano se ne riscontra solo il 35%. Riceviamo circa due-tre richieste di interventi sulle cimici alla settimana. Interveniamo normalmente con Issima per capire di cosa si tratta. Poi le cimici vengono eliminate con un ulteriore intervento fatto ad esempio con l’azoto liquido. La nostra grande cagnolina è fondamentale».

Normalmente non viene fatta pagare l’ispezione fatta con questo pastore belga malinois, se trova delle cimici ed è richiesta una successiva disinfestazione allora la Cordella Disinfestazioni passa all’offerta economica per il cliente. In questi mesi il “cane cerca cimici” ha dato il meglio di sé in tanti alberghi di Torino, in case private e svariati alloggi per studenti (n.d.r. La Cordella Disinfestazioni sta per chiudere un accordo con l’E.Di.SU, l’ente per il diritto allo studio universitario torinese per intervenire anche nei collegi universitari).

Forse è per questo che per Issima è ancora tempo di “studi”. «Stiamo proseguendo l’addestramento e la formazione di Issima presso l’Associazione Nazionale della Polizia di Stato di Trana. – continua Adriano Cordella – Il prossimo traguardo è quello di mettersi a disposizione del Ministero degli Interni. Tramite l’A.N.P.S. potremmo intervenire come “volontari” per eventuali infestazioni in strutture pubbliche, una specie di “Servizio Civile” come fanno i cani specializzati per la ricerca degli uomini in casi di terremoti o valanghe. Ho preso Issima per fini lavorativi ma adesso tutti ci siamo affezionati a lei. E’ diventata non solo parte del mio staff ma anche della mia famiglia».